Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/248

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
242 lirici marinisti

     Tu, fenice de’ colli,
col natale de l’anno
rinascendo piú bello, il capo estolli.
ove i rami ti fanno
glorioso corteggio, e in bel lavoro
la spoglia hai d’ostro e la corona hai d’oro.
     Sopra trono di frondi
reggi popol minuto
di vermigli granelli orbi giocondi ;
a ragion t’è dovuto
il bel nome di re, ché in vari segni
ne le celle ch’hai tu dimostri i regni.
     Per dar vita a’ tuoi parti,
che son molli rubini,
pellicano d’amor, t’apri in due parti,
e ’n due brevi confini,
da materna pietá venendo meno,
mostri lacero il fianco, aperto il seno.
     In te schiera volante
di solleciti Amori
sugge d’aureo licor manna stillante;
in te Zefiro e Clori
scherzan placidi e belli, e intorno al viso
ch’in tal forma cangiasti, aprono un riso.
     Quanti piccioli e belli,
graziosi e stillanti,
chiudi tu globi dolci, aurei granelli;
tanti cori d’amanti,
in compendio bellissimo ristretto,
possiede Lilla mia nel bianco petto.