Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
314 lirici marinisti

n VIII t A PAN

     Musa, che ’n vario stile
giá narrasti sovente
del cor la fiamma ardente,
or accorda la lira
a novo metro, e a maggior gloria aspira.
     Cantate meco, o ninfe,
il terror de le belve,
il nume de le selve,
ch’i venti dietro lassa
col piè caprigno e i folgori trapassa.
     Or di mortelle e d’edre
coroniamo le chiome,
pria che si canti il nome
de’ cui sublimi onori
han Menalo e Liceo gli echi sonori.
     Pan, venerabil padre
de le ninfe montane,
che per l’erte piú strane
ad arricchir di prede
godi seco di trar veloce il piede;
     tu serbi i lieti paschi
e le fontane algenti
agli ovili, agli armenti,
che di terrene manne
ricche pur fan le povere capanne;
     morbo maligno o suono
di malefiche note
o lupo mai non puote
nuocer a quella greggia
ch’una volta de te sola si veggia.
     Oh felici quei boschi
che, quando tu talora