Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/334

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 lirici marinisti

LEONARDO QUIRINI


I

LA PENITENTE

Per una principessa italiana, che dopo vita d’amori si chiuse in monastero.

     Costei che giá di mille amanti e mille
libero a voglia sua resse l’impero,
e con lascivo sguardo e lusinghiero
dai piú gelati cor trasse faville;
     con occhi mesti e di pudiche stille
gravidi, ad or ad or volge il pensiero
a rintracciar de lo sfuggito vero
qualche vestigio almen fra caste ancille.
     O di mentita fé perfido zelo!
Chiude i leggiadri angelici sembianti
entro ruvidi panni e rozzo velo,
     per far, Circe d’amor, con novi incanti
inamorar di sue bellezze il cielo,
sazia del fasto de’ terreni amanti.