Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/345

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

antonio basso 339

     paraninfa amorosa
d’odorati imenei,
che con face di rosa
e con lacci di frondi entri fra dèi,
e de’ fiori nel letto
Flora e Zefiro in noi chiami a diletto;
     di Pomona foriera,
che con mani feconde
sai, ne gli orti primiera,
rami tessere in piante e fiori in fronde,
onde vengon produrti
a la dea de l’autunno in terra i frutti;
     Iride de la terra,
che dopo il verno audace,
de le piogge a la guerra,
colorita di fiori, apporti pace,
e con occhi fioriti
gli austri allegra licenzi e l’aure inviti;
     del cor diva leggiadra,
che con l’erbe i natali
degli Amori a la squadra
apri, armati qua giú di novi strali,
e con vista benigna
rendi un Cipro ogni campo e te Ciprigna;
     emula de la notte,
ché, se quella vien fuora
da le cimerie grotte
e di lucide stelle il cielo infiora,
tu, dal ciel scesa al prato,
d’almi e nobili fiori il fai stellato...
     Ma qual tenta mia musa,
tesser versi a’ tuoi vanti?
Ceda intanto confusa
degli alati tuoi cori ai dolci canti,
ché gli encomi tuoi belli
de le muse cantar piú san gli augelli.