Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/92

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 lirici marinisti

lascia oggimai, ti prego, i sette colli
che di Roma novella ornano il seno,
che sol di fasto allettatrici e folli
aure nutre nel torbido sereno,
ha mentiti i costumi, i vezzi ha molli,
nel facondo suo dir mesce il veleno,
e allora indice altrui guerra verace
quando par che piú spiri aura di pace.
     Lascia pur Roma, e vieni omai qui dove
fresco è il rio, dolce è l’aura e lieto è il cielo;
nembo di perle qui l’aurora piove
qualor diffonde il maturino gielo;
la libertá, ch’invan si brama altrove,
qui sol lieta fiorisce in ogni stelo;
e van per l'amenissime pendici
l’aure, de l’alme ognor tranquillatrici.
     Qui senza velo agli occhi altrui dispiega
nuda semplicitá le sue ricchezze;
qui riposa il Riposo e qui non nega
di compartir altrui pure dolcezze;
qui con laccio di gioia i sensi lega
l’ombra fra le real salvatichezze;
né può quinci lontano esser diviso
s’è ver ch’abbia la terra il paradiso.
     Vieni, e de’ grandi Augusti il mio desio
di nuovo in te vagheggi i gesti e l’opre;
vieni, ch’ogn’uom costí fallace e rio
sotto contrario vel l’alma ricopre;
qui schietto il fonte e trasparente il rio
sin da l’intimo fondo il cor ti scopre;
e, di te imitatrice, in grembo ai fiori
versa prodiga vena i suoi tesori.
     Se le romane mura e gli archi e i tempi
ti spiace forse di lasciarti a tergo,
qui, dagli Estensi tuoi sottratta agli empi,
mirerai d’altra Roma il prisco albergo;