Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/151

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La passione d’un gentiluomo veneziano 149


burlino, non patirò mai. Se gli avete cari, fate che mi lascino stare e che si contentino di godervi».

Troppo a basso era caduto: un impeto d’ira contro l’amante di lei, se non contro la donna, se non contro se stesso, non avrebbe potuto scuoterlo e sollevarlo? A vedere madonna Vittoria alla finestra, con la faccia ridente, e Fortunio sotto, che le rispondeva, «spinto da furor geloso» e attaccata questione, ferì il drudo...

Ma dopo scongiurò Vittoria che gli perdonasse!

Atterrita, essa rispose: «Il solo rispetto mio doveva por freno ad ogni vostra voglia, nè amandomi doveva aver maggior forza lo sdegno che l’amore; ma poi che le cose passate non hanno rimedio e che mi chiedete perdono, io ve ne faccio grazia...».

E, per convincerlo, gli mandò copia della lettera con cui diceva addio a Fortunio. Gli diceva:

«M’abbandonai ad amarvi vinta da certe qualità che mi pareva di scorgere in voi» .

Le pareva! Le qualità di quell’uomo le parevan amabili dopo che l’aveva saputo delatore, sicario, vigliacco! Che menzogna! Che infamia! Spudorata. Abietta.

E allora, ma solo allora, Alvise Pasqualigo aprì gli occhi. Non comprese che se lei era giunta a tal segno, la prima colpa ricadeva su lui stesso;