Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'ombrello 77


garsi, bevevano un bicchiere di vino, e a letto a sudare! Capite?

— Voi fate proprio così? — Ora Boldrighi, nell’ironia della dimanda, nascose il suo pensiero. Aveva deliberato di cedere l’ombrello a lui, credendo gli spiacesse rinunciare, per il temporale, alla passeggiata igienica; ma giacchè l’amico non aveva paura di bagnarsi, anzi ci avrebbe gusto a far il Romano, l’ombrello, egli, lo terrebbe per sè. E avendo l’ombrello egli non aveva bisogno di scappare come quelli che da ogni parte dei Giardini trottavano a rifugiarsi in città.

I goccioloni cominciavano a mordere la polvere; eppure nessuno dei due voleva esser primo ad alzarsi in piedi. Finchè una saetta guizzò, scoppiò poco lontano. Allora scattarono, si avviarono.

Alla barriera Ceccuti ristette a guardar in alto.

— Non piove più; sprúzzola, dicono i toscani.

Dunque: — buona notte! — E s’incamminò impavido per la sua strada, a passo da bersagliere.

Ma Boldrighi ebbe un senso di rimorso e attese.

Pochi istanti dopo si aprì la cateratta; l’acqua precipitò con furia.

— Ceccuti! Aspettate, Ceccuti! — Boldrighi si diè a gridargli dietro, e si mise a inseguirlo con l’impeto di una smania riparatrice.