Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/153

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ludi rerum mathematicarum 151

vedete di tutto el cerchio quanta parte ella corse. Verbigrazia, ella fece la quarta parte del cerchio, son passate sei ore; se ’l terzo, otto, e simile. Per ritrovare la tramontana si dà certo mezzo. Alcuni lo chiamano Carro, alcuni Corno a similitudine; e sono alcune stelle situate come qui vedete la pittura. [Fig. 11]

Se a vista piglierete per lo cielo una linea qual vada per le due stelle maggiori che stanno pari di dietro a questa così fatta situazione di stelle, andando troverrete una non piccola stella, né etiam molto grande. Questa prima stella sarà dessa, e sarà scosta da queste due dette stelle forse 3½ volte quanto sia di quelle due l’una dall’altra. Chiamano el vulgo alcuni quelle stelle le Rote del Carro, alcuni la Bocca del Corno. Ma eccovi la lor forma. [Fig. 12]


Ludi-mathematici0012.gif

[Fig.12]


Ma torniamo a quanto mi chiedesti, e diciamo delle ragioni di misurare e’ campi. Gli scrittori antichi, presertim Columella, Savazorda, e altri commensuratori, e Leonardo pisano fra’ moderni, molto s’estese in questa materia. È cosa prolissa e dotta. Ma io