Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/154

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
152 ludi rerum mathematicarum

vi raccolsi le cose più gioconde, e ancora sono utili al bisogno. Non racconto per brevità quante sieno le forme de’ campi quadrati, e più lungo che largo, e più stretto da un capo che dall’altro, e di tre lati, e di molti lati, e rotundo, e parte d’un tondo, e simili. Tanto dico ch’e’ campi sono co’ sua lati o tutti tondi, o linee dirette, o parte diritte parte d’arco, o composte di più archi, come qui vedete le loro varietà segnate. [Fig. 13]


Ludi-mathematici0013.gif

[Fig. 13]


Voi, se volete misurarle, fate così; e cominciamo da quelli che ha e’ lati tutti diritti. Se il campo arà e’ lati diritti e i cantoni suoi saranno a squadra, e lui sarà molto facile ad intendere quanti piedi sia tutto quadrato, e farete così. Pigliate un de’ lati qual volete, e notate quanti piedi e’ sia dall’un capo all’altro. Quando sete da capo, continuate e volgete a lato l’altra sponda del campo e misuratela. Forse troverrete che l’uno di questi lati fu dieci