Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
xx Sofia Bisi Albini. La sua vita e la sua opera


L’Ester, scapata e impulsiva, ma tutta affetto e sincerità riempie di sè due novelle: «Nel vano dalla finestra» e «Il dottor Edmondo Fog». L’Ester e l’Alberta della «Scacchiera della rosa» sono le prime di una serie di donne in bocciolo che si affacciano alla vita con l’intenzione di capirla tutta, separando con le loro mani delicate il loro diritto di libertà e d’azione dal vecchiume di tutte le restrizioni sociali dell’epoca.

Sofia Bisi Albini apre fin dalla sua prima novella quelli che parevano gli intangibili cancelli intorno al chiuso giardino, tutto edera e bosso, della vita muliebre d allora. Vi metterà rose a profusione e rovesci di gelsomini per le anime innamorate: ma esse non potranno andare ad occhi socchiusi soffocate dal profumo dei fiori, sperdute sotto il mite raggiar della luna, perchè si deve procedere ben caute e calme nel giardino che non ha più i larghi viali incolti, ma è tutto diviso in alterne aiuole di cavoli e di begonie, d’insalatina e di giacinti, di viole e di fragole. C’è di tutto ed è così bello perchè possiede l’armonia.

Ecco dai cari libri venirci incontro, ancora fresche e suadenti, donna Conny, Sandra Luisa e Itala, tre tocchi armoniosi di uno stesso liuto: la signo-

xx Sofia Bisi Albini. La sua vita e la sua opera