Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/192

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 Le signorine e il loro servizio sociale

vibravano di un dolore tanto più intenso perchè senza causa apparente, e quindi tenuto gelosamente nascosto per paura che fosse incompreso. Anime solitarie malgrado fossero circondate da famiglie numerose; volontà scoraggiate da ostacoli tradizionali che impedivano loro di esplicarsi, virtù che si ripiegavano con un senso d’inutilità, occulte e frementi ribellioni di caratteri schietti e forti.

Che facciamo? Che siamo? È così che si deve vivere, a vent’anni? nell’età degli entusiasmi e della fioritura d’ogni dono più bello che Dio concesse all’umanità?

— No, — dissi io, madre, a quelle fanciulle. — No, non è così che dovete vivere!

E bastò così poco per dar ali a tutte quelle buone volontà prigioniere! In poche pagine che intitolai: Il vostro salario, dissi della necessità, del dovere che ogni fanciulla nata, senza alcun suo merito, in una posizione agiata, ricambiasse alla società in altrettanto amore per i diseredati, in lavoro utile ad essi, il salario che aveva ricevuto dalla Provvidenza.

Inoltre dissi della reciproca diffidenza che tiene separate le giovanette della classe agiata

150 Le signorine e il loro servizio sociale