Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/84

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE DONNE DANNOSE E LE INUTILI

A chi sa guardare, che melanconia è la domenica in città! È il giorno in cui gli spostati, gli illusi, i vanitosi, sciorinano tutta la loro immensa miseria.

Guardavo domenica un ritorno dal Pincio, il meraviglioso giardino da cui si domina mezza Roma, e si godono tramonti che tengono l’anima sospesa. Un numero infinito di carrozzelle pubbliche e automobili — delle prime soprattutto — scende dai larghi viali fiancheggiati di pini e di elci, lungo i maestosi terrazzi, e sfila lentamente per l'interminabile e stretto Corso, già avvolto nell'ombra fredda. Ma tutta quella gente non si è neppure accorta della gloria di sole lasciata lassù. Per delle ore sfilano e sostano le carrozzelle col tassametro, che scatta inesorabilmente: intere famiglie in gran pompa vi si pigiano, apparentemente in-

42 Le donne dannose e le inutili