Pagina:Alcuni discorsi sulla botanica.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

39

così luminosa conferma nei trovati della moderna geologia. Da lui deriviamo altresì i primi concetti della Fisiologia vegetale, e parecchie di quelle splendide scoperte intorno la vita delle piante, che più comunemente vengono ascritte a merito di Aristotile e di Teofrasto. Ricorderò qui le opinioni fitologiche dell’agrigentino, quali le troviamo registrate nelle opere dei due or ora nominati, nei libri de Plantis di Nicolò damasceno, e nei Placita Philosophorum del supposto Plutarco. Al dire di questi autori era opinione di Empedocle, che le piante abbellissero già la superficie della terra, quando questa non era per anco compiuta in ogni sua parte, nè ancora le girava intorno il sole, nè il giorno ancora era diviso dalla notte. Empedocle insegnò pure, le piante non essere venute bell’e formate d’un tratto, sì bene a membra sparse dapprima, e come a dire a pezzi staccati, poi mano mano con intervalli di tempo assai distanti tra loro essersi accozzati insieme, e riuniti a formare quel tutto che oggidì ammiriamo. Voleva ancora, che le piante si avessero a considerare come parti della terra ingenerate dal relativo calore di questa, nel medesimo modo che è parte della madre il feto svoltosi nell’utero materno. Ammise la presenza dei sessi nei vegetali, ma mescolati e confusi. Disse ovipari gli alberi. Intravidde la grande analogia, che corre tra le funzioni vitali degli animali e delle piante, la quale analogia egli non circoscrisse ai soli feno-