Pagina:Alcuni opuscoli filosofici.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12

che abbia mai fabbricato la natura. Io dico l’occhio del Signor Galileo Galilei primo Filosofo del Serenissimo Gran Duca di Toscana, occhio tanto privilegiato, e di tanto alte prerogative dotato, che si può dire, e con verità, ch’egli abbia visto piu egli solo, che tutti gli occhi insieme degli uomini passati, ed abbia aperti quelli de’ futuri, essendo toccato in gran sorte a lui solo, fare tutti gli scoprimenti celesti ammirandi a’ secoli futuri nella via lattea, nelle stelle nebulose, ne’ Pianeti Medicei, in Saturno, in Giove, in Marte, in Venere, nella Luna, e nel Sole stesso, e però è degno d’esser eternamente conservato, com’una preziosa gemma, e tanto più, quanto ch’egli è stato ministro di quel suo maraviglioso intelletto eccitando a filosofare così altamente delle cose, ond’egli ha trapassato tutti gl’ingegni umani, i quali fin qui si sono intrigati à penetrare i più reconditi segreti della Natura; perdita veramente perniziosissima, e deploranda con lagrime universali di tutti gli occhi umani, ed in particolare dei legittimi investigatori della verità.

Secondo, può essere, che ò per l’età provetta, ò per altro accidente si sia consumata, e scemata parte dell’umor vitreo, & in tal caso, la tunica retina, sopra della quale vengono impresse l’immagini degli oggetti, sarà troppo avvicinata all’umor cristallino, e però l’immagini si faranno confuse, ed annebbiate, al qual difetto si rimedia coll’uso degli occhiali convessi piu, o meno colmi, secondo, che tale accostamento sarà maggiore, o minore.