Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. III, 1947 – BEIC 1728689.djvu/291

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 285
I romani guerrieri ai Parti incontro

guida ei, per dar l’ultimo crollo a Roma,
come a lei diè, del Reno in riva, i primi.
Tropp’oltre, troppo, è omai trascorso: or tempo,
anch’io il confesso, all’indugiar non havvi.
Ma, come il de’ buon cittadino, io tremo:
rabbrividisco, in sol pensar, che forse
da quanto stiam noi per risolver, pende
il destino di Roma.
Cimbro  Ecco venirne
Cassio ver noi.


SCENA SECONDA

Cassio, Cicerone, Cimbro.

Cassio  Tardo venn’io? Ma pure,

non v’è per anco Bruto.
Cimbro  In breve, ei giunge.
Cassio Me quí seguir volean molti de’ nostri:
ma i delatori, in queste triste mura,
tanti son piú che i cittadini omai,
che a tormi appieno ogni sospetto, io volli
solo affatto venirne. Alla severa
virtú di Cimbro, e del gran Tullio al senno,
e all’implacabil ira mia, sol basti
aggiunger ora la sublime altezza
dello sdegno di Bruto. Altro consiglio
puossi unir mai, meglio temprato, ed atto
quindi a meglio adoprarsi a pro di Roma?
Cicer. Deh, pur cosí voglian di Roma i Numi!
Io, quant’è in me, presto a giovar di tutto
sono alla patria mia: duolmi, che solo
debile un fiato di non verde etade
mi resti a dar per essa. Omai, con mano
poco oprar può la consunta mia forza;