Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. III, 1947 – BEIC 1728689.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 301
come oppressor ten chiama. A farmi io tale,

ch’io ti sconfigga, o ch’io ti spenga, è d’uopo.
Lieve il primo non è; piú che nol credi
lieve il secondo: e, se a me sol pensassi,
tolto il signor giá mi sarei: ma penso,
romano, a Roma; e sol per essa io scelgo
di te pregar, quando te uccider debbo.
Cesare, ah! sí, tu cittadin tornarne
a forza dei, da me convinto. A Roma
tu primo puoi, tu sol, tu mille volte
piú il puoi di Bruto, a Roma render tutto;
pace, e salvezza, e gloria, e libertade:
quanto le hai tolto, in somma. Ancor per breve
tu cittadin tua regia possa adopra,
nel render forza alle abbattute leggi,
nel tor per sempre a ogni uom l’ardire e i mezzi
d’imitarti tiranno; e hai tolto a un tempo
a ogni uom, per quanto ei sia roman, l’ardire
di pareggiarti cittadino. — Or, dimmi:
ti estimi tu minor di Silla? Ei, reo
piú assai di te, piú crudo, di piú sangue
bagnato e sazio; ei, cittadin pur anco
farsi ardiva, e fu grande. Oh! quanto il fora
Cesare piú, che di possanza è giunto
oltre a Silla di tanto! Altra, ben altra
fia gloria a te, se tu spontaneo rendi
a chi si aspetta, ciò che possa ed arte
ti dier; se sai meglio apprezzar te stesso;
se togli, in somma, che in eterno in Roma
nullo Cesare mai, né Silla, rieda.
Cesare — Sublime ardente giovine; il tuo ratto
forte facondo favellar, pur troppo!
vero è fors’anche. Ignota forza al core
mi fan tuoi detti; e allora che a me ti chiami
minore, io ’l sento, ad onta mia, di quanto
maggior mi sei. Ma, il confessarlo io primo,