Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/117

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

quinta 95

Scorsa la via poco dal mar divisa,
     Io teneri mirai bambin leggiadri
     480Con bocca di marcioso umore intrisa
Succhiar il tosco dalle spente madri;
     E altri miseri meno in fra le troppe
     483Sventure lor presso gli afflitti padri
Di capre miti le villose coppe
     Stringer scherzando; e queste ad essi il latte
     486Docili porger con benigne poppe.
Mentre all’occaso eran le stelle tratte
     Col pianeta minor dai raggi smorti,
     489Con cui l'ombra la prima alba combatte,
Scoprii fra il frombo di percosse forti
     Un giovane Guerrier sparuto e fiacco
     492Ferri agitando a doppia fune intorti.
Non armato venìa d’elmo e di giàcco,
     Ma coperto le ingorde ulceri solo,
     495Che tutto lo rodean, d'ispido sacco.
Un cadaver parea ritto sul suolo;
     Pur su la fronte un non so qual soave
     498Cipiglio avea d’invidìabil duolo.
Talor, poiché più lena il piè non ave,
     Languìa de’ servi in braccio, e poi movea
     501Raddoppiandosi i colpi il passo grave.
Mentr’ei di sé lo strazio orribil fea
     Rinforzando alla voce il debil suono,
     504Gridò: Figlio di Dio, che a questa rea
Anima il divo Sangue offristi in dono,
     Perch’ella de’ pensier empj e dell’opre
     507Chiegga, e in quel Sangue trovi ancor perdono,
Eccola ai piedi tuoi. Più non la copra
     La sua ribelle a te misera carne,
     510Che ulcerata e corrosa i nervi scopre.