Pagina:Algarotti - Il Newtonianismo per le dame, 1737.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 Dialogo Quarto.

borio dovuto elitre, ic.. l’- P ra ■ jinincrpì che intorno ad cai v ad. ™ per cu ffiS Regolarmente -1 l«* no/fi potefte àvlr nell’immagine una per toa ftparajon de colori. Vane, («P»’<=" e « m fecer chiaramente vedere, che a quello irre P olar lume, fu cui il Colpetto cadeva, dovea fofo°d rfillcolpa di quel? apparente |»u = e, che fi olservava, fe pure fi può chiamar mutazio ne ciò che non era, che l’aggiuntone di un co 1016 ìo mi ràll’egro eon voi, qui m’interne U MarchefT, che 3* o»* «g£ ta avrà turbato la tranquilli» de jou" Dìo mi guardi, rifpos’,o trattava di por rimedi a ciò, di cut la cauta e