Pagina:Alle porte d'Italia.djvu/39

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i principi d’acaja 25


Si stette un poco nel cortiletto a guardare in alto, scontenti, con un leggero sentimento di pietà per gli antichi Principi; poi s’andò su per le scale. Anche l’interno del palazzo ha un aspetto uggioso di convento e d’ospedale, che gli vien dall’ammattonato rosso vivo, dai muri bianchi e dai crocifissi neri, appesi in fondo agli anditi nudi; nei quali il sole gettava qua e là dei grandi rettangoli di luce d’oro, reticolati di fili d’ombra dalle grate delle finestre. C’era un silenzio di Trappa. Il sacro ospizio non ha presentemente che tre convertiti; la stagione è così bella! Si sentiva sfogliettare un libro su al terzo piano, e di tratto in tratto, intorno a noi, un fruscio discreto di sottane monacali invisibili. Dalle alpi veniva diritta in viso un’arietta deliziosa.... Ci affacciammo a uno stanzone a dare un’occhiata alla travatura antica del soffitto, dove rimane quale mensola rozzamente scolpita e imbiancata. Era forse la camera nuziale dove dormirono il sonno più dolcemente stanco della vita le sette spose della casa di Acaja. Chi può provare di no? Ora ci sono due lunghe file di letti da infermeria, con le coperte di cotone a quadretti bianchi e turchini; e ci dormon le monache e le catecumene, quando ce ne sono. Un altro stanzone del primo piano è convertito in cappella, con un altare da chiesuola di campagna. Non rimane il menomo indizio dell’uso al quale potessero servire le altre