Pagina:Anime oneste.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
184 il sacrifizio


Subito comprese che si trattava di lei.

Gonario rise invece di alterarsi, quasi l’insulto fosse stato un complimento. Disse:

— Che ingenuo tu sei! L’amore ti rende cattivo, però!

Anna sentì i passi dei due giovanotti che andavano su e giù per la cantina.

A misura che i due rivali comminavano, le loro voci si avvicinavano e s’allontanavano, talchè qualche parola sfuggiva ad Anna; ella però s’accorgeva benissimo che Gonario si manteneva carezzevole, supplichevole, quasi, e Sebastiano duro, cupo.

— Tu hai forse ragione, — diceva Gonario — ma non è mia la colpa.

— Sì, — rispondeva Sebastiano, — sì, sono vigliaccherie queste, viltà belle e buone, te Io ripeto, e se vuoi sfidarmi sfidami pure....

— Ma tu non hai capito....

— Capisco più di te invece! E vorrei che il codice si occupasse di questo reato.

— Diavolo! — fece Gonario ridendo.

— Eh, non ridere, non pigliarla così alla leggera. È così.