Pagina:Anonimo - Matematiche Fascicolo primo, 1837.djvu/32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

33


5. Del resto, quando gli Uomini incominciarono a rappresentarsi de’ numeri, ed a far meccanicamente delle somme, invece d’usar dei segni scritti, si può supporre, ch’essi impiegassero de’gettoni; ed effettuassero coteste somme nel modo, che si è accennato (3); ma noi vogliamo credere, ch’essi impiegassero piuttosto delle pietruzze di differente grandezza per distinguere i diversi ordini d’unità, per la ragione, ch’è da gran tempo invalso l’uso di chiamare comunemente calcolo qualunque operazione, che si faccia sù i numeri scritti, dal vocabolo Latino calculus, che vuol dire pietruzza. Noi in seguito useremo frequentemente questa parola calcolo.


CASO II.


6. La operazione dell’Addizione si semplicizza assai, quando i numeri da addizionarsi sono tutti uguali trà loro.

In tal caso scrivendo cotesti numeri in colonna, come si è detto (2), si vede, che per ottenerne la somma non si ha da far altro, che ripetere per ciascuna colonna una certa cifra costantemente il medesimo numero di volte; e che però, se avessimo preventivamente sott’occhio le somme, od i resultati, che possono ottenersi


3