Pagina:Anonimo - Matematiche Fascicolo quarto, 1840.djvu/13

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

13

spettivamente maggiore o minore, ossia si moltiplica o si divide respettivamente per 10, 100, 1000,...

Per la prima di queste proprietà ad un decimale, che avesse dopo la virgola meno cifre di un’altro, potendosene dare lo stesso numero, si dice, che si completa per ridurlo al medesimo denominatore del secondo; onde si conclude, che di due decimali di più o meno cifre avrà un valor più piccolo soltanto quello, che avrà il primo una cifra più piccola della corrispondente del medesimo ordine nell’altro, sebbene questo possa avere meno cifre.

Così i valori di 0,54321...; 0,00078...; 0,6839... saranno respettivamente più piccoli di quelli di 0,7..; 0,001..; 0,684..

Si avverte, che i punti scritti di seguito a ciascun decimale stannovi a denotare quali e quante altre mai cifre si vogliano.

Del resto per la stessa prima proprietà ad un numero intiero si può dar l’aspetto di numero decimale, scrivendogli di seguito a destra quanti mai si voglian zeri, separati da lui con una virgola.

Così in luogo per es. di 2 si può scrivere 2,000...

4. Venendo adesso alle operazioni sulle frazioni decimali, ridotte, come abbiam fatto alla forma di numeri intieri, noi diciamo primieramente, che in quanto alla pratica esse si