Pagina:Arabella.djvu/451

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 445 —

trattasse di lei. E le parve di intendere che Lorenzo si sarebbe recato alle Cascine quel giorno stesso, col tram delle quattro, per accondiscendere all’invito della mamma, che aveva preparata una dolce congiura. Avrebbero potuto tornare insieme e fare ai parenti una bella improvvisata.

Mentre un’Arabella rassegnata e indulgente diceva di sì e rimettevasi alla volontà degli altri, un’Arabella più nervosa, meno buona, quasi straniera alla prima, usciva da lei a combattere una battaglia in cui aveva bisogno di restar vinta.

Lasciò suo marito ai grandi affari e se ne venne via col desiderio di trovarsi ancora collo zio Borrola, che aveva delle conoscenze in America e poteva dare delle buone lettere di presentazione per Ferruccio.

Passando dalla chiesa di S. Giuseppe, un bisogno del cuore la condusse a pregare un istante ai piedi di un altare. S’inginocchiò, fissò gli occhi sopra un quadro in cui era dipinto il Transito del santo in mezzo a due schiere d’angeli, e pregò un pezzo cogli occhi, come se non avesse più la forza di formulare col pensiero un’aspirazione.

La chiesa raccolta, gelida, immersa in una luce squallida, le mise indosso dei brividi di freddo. Si scosse, venne via, traversò la piazza della Scala e le strade popolate, pensando a nulla, cedendo, più che obbedendo, alla necessità che la riconduceva a rivedere la sua casa. Non pioveva ancora, ma c’erano in aria dei brutti segni. Era una giornata bigia, malinconica, svogliata, col cielo chiuso.

Domandò alla portinaia la chiave degli ammezzati e per la scala di servizio entrò nello studio di suo