Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/132

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 rassegna bibliografica

che, intimamente collegate colle religiose, del pontificato coll’Italia e coll’Europa cattolica. Siffatto quadro è ampio e colorito: i giudizj sono coscienziosi e pieni d’equità, l’attitudine è dignitosa, lo sguardo abbraccia quel vasto orizzonte, il quale, sinanche nei tempi dell’inferirsi di molte mediocrità conta tra i distintivi della Santa Sede.


Alfredo Reumont.          




Cronache della città di Fermo. Firenze, coi tipi di M. Cellini e C. alla Galileiana. 1870; un vol. in 4to di pag. XI-607. - È il IV Vol. dei Documenti di Storia Italiana pubblicati a cura della R. Deputazione i Storia Patria per le provincie di Toscana, dell’Umbria e delle Marche


Gli studi storici in Italia aveano preceduto ed accompagnato le riforme politiche e civili nel secolo scorso, e preannunciarono il rinnovamento italiano in questo secolo. Liberata la patria, gli studi della storia di essa, prima disgregati, si ripigliarono con ordine maggiore, e se non progredirono come s’attendeva, fu pe’ grandi sacrifici che dovette costare l’unificazione politica e civile, e la restaurazione industriale e commerciale dell’Italia. Lo spirito d’associazione fattore principale delle forze economiche attuali, ravvivò pure gli studi i cultori di tali discipline in parecchie Deputazioni protette dallo Stato. Delle quali massima apparve quella per la regione sarda e lombarda che già pubblicò XII volumi in foglio di Historiae Patriae Monumenta, e nove volumi ponderosi in ottavo grande di Miscellanea di Storia Italiana. Nel settimo de’ quali il Ceruti, bibliotecario dell’Ambrosiana pubblicò del Domenicano Salvano Fiamma da Milano contemporaneo di Dante il Chronicon extravagans ed il Chronicon maius, ambi di molto interesse.

La Toscana non avea la libertà politica nell’unificazione a far prosperare gli studi delle storie italiane, che già sino dal 1842, per opera del compianto G. P. Vieussex, pubblicava prima Monumenti ed Appendici, indi dal 1855 quat-