Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/322

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
318 rassegna bibliografica

titolo e por quali motivi: e Ottone II gli confermò tutti gli acquisti fatti, volendo con ciò mortificare i Veneziani, e impedire dio vottovaglie e merci fossero a questi mandate.

Giovanni ne fu contento perchè stava in lotta col doge di Venezia, e n’ebbe vantaggio finché successe in quel grado Pietro II Orseolo, principe savio e risoluto. Ottenuta la conforma dei confini antichi del dogado verso il regno d’Italia; cercato invano colle ambasciate e la mediazione acchetare il vescovo, a cui l’età non toglieva l’attività, impedì ogni commercio colla marca di Verona e coli’ Istria, finché, calato in Italia Ottone III, il 25 marzo 996 si venne a un accordo, ove Giovanni riconosceva i confini antichi del dogado, e si riapersero le comunicazioni. Puro le ostilità non cessarono che nel 98, quando l’Orseolo, illustrato dalle imprese nell’Istria e nella Dalmazia, accingeasi a ridurre colle armi a quiete l’impaurito vescovo.

Del quale le imprese guerresche furono più notevoli che le ecclesiastiche.

Di tutto ciò discorre il Kohlschütter trattando del doge Pietro Orseolo, e in modo più speciale e con singolare diligenza il Pellegrini, adducendo vari documenti, in parte ignoti e preziosi come sono tutti quelli anteriori al mille. Un fatto notevole in questi è che le molte persone ivi nominate non hanno cognome; l’hanno tutti i veneziani, come Pietro Centrando, Domenico Candiano, Pietro Gradonico, Orso Noeli, Orso Badoario, Maurizio Mauroceno, Domenico Carimanno, Domenico Orseolo, Domenico Matadoro, Domenico Mauro, Cipriano Bulzano, Giovanni Michaele ec.

C. Cantù.          




Niccolò Machiavelli nel suo Principe, ossia il Machiavellismo e i Politici nel nostro secolo, per l’avvocato Andrea Angelini. - In 8vo, di pag. 128. Milano, tip. degli Autori-editori.


Questo è il titolo d’un volumetto, pubblicato parecchi mesi or sono in Milano dall’avv. Andrea Angelini. L’argomento è grave, come il titolo suona; e l’A. dividendo in tre parti il