Pagina:Archivio storico italiano, serie 3, volume 13 (1871).djvu/404

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
398 la gallia togata

na, fuori di cui non v’era piena libertà; giacche senza aver suffragio ne’ comizi di Roma, non si partecipava al governo della Repubblica: e perchè la vallata fra le Alpi e l’Appennino veniva pur sempre considerata non appartenere all’Italia, i Cisalpini al primo destarsi di quel tumulto, non osando elevare i desideri quanto i loro vicini , si mantennero fedeli alla dominante; ond’è che Roma non dubitasse di trarne molte forze per volgerle contro ai ribolli. Ma poi nel secondo anno della guerra, anche fra’ Cisalpini cominciò a serpeggiare minaccioso fermento, per le promesse degli insorti di voler far eguale a Roma la penisola tutta, dalle Alpi allo stretto di Sicilia. Ma la prudenza del Senato e del popolo romano, e la miglior fortuna delle armi loro, avendo per tempo grandemente scemato la probabilità di buon esito per gli Italici, e il malcontento de’ Cisalpini, le cose nella vallata non procedettero più oltre.

La guerra sociale fu vinta da Roma: però questa ben vide come realmente il fuoco non ne sarebbe stato mai spento, se non placava il desiderio che prima l’aveva acceso; e con quella accortezza che fu la sua salute in tante procelle, cedette alla necessità e fece romani cittadini i domati ribelli; comecché ne comunicasse poi loro il diritto solo piuttosto di nome che di fatto, avendoli aggregati a nuove tribù, le quali non dovevano essere chiamate a votare, che quando non bene manifesto apparisse il maggior suffragio delle antiche.

Anche alla Gallia togata quei moti giovarono; anzi ne ebbe utilità durante la guerra medesima, giacche importando troppo di mantenerla in fede, sullo scorcio dell’anno 89 prima di Cristo, Pompeo Strabone, padre del Magno, fe’ largire alle città Transpadane il Diritto latino; col quale si deve credere venisse pure conferito l’ordinamento municipale (a meno che non gliel’avessero già partecipato le romane Colonie statevi disseminate), o il dono non avrebbe avuto significazione; che non è pre-