Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/243

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie 223

Dr. August von Schlossberger. (Stuttgart, Kohlhammer, 1889. In-8.°, di pp. viii-342.) - Tra’ Principi della Germania quello che sopra ogni altro ebbe intimità grande coll’imperatore Napoleone I fu il re Federico di Württemberg, la cui figlia Caterina prese per marito il più giovane appunto de’ fratelli di Napoleone, il re di Westphalia Girolamo Buonaparte. Della Caterina e del marito di lei il Dr Augusto von Schlossberger, Vicedirettore degli Archivi di Stato dei Regno di Württemberg, stampò già le lettere al padre e al suocero, e ve ne unì parecchie di Napoleone al re Federico e dei re Federico a Napoleone, di molto interesse per la storia (Cfr. Arch. stor. ital., 1889, IV, pp. 116-118; rassegna di G. Sforza). Stampa adesso la corrispondenza politica e militare di que’due regnanti, nuovo e buon contributo a meglio studiare e conoscere le vicende così fortunose del primo Impero.

Sono in tutto dugentosettantatrè lettere. Di queste, novantadue appartengono a Napoleone; e centosettantuna sono dettate dal re Federico. Vi sono inoltre lettere di Giuseppina, del vescovo Luigi di Württemberg, dell’imperatore Francesco I d’Austria, del conte Stadion, del Berthier, del vescovo Ferdinando di Württemberg, dell’imperatrice Maria Feodorowna. Il carteggio è disposto per ordine cronologico; comincia col 7 vendémiaire dell’anno XIV (29 settembre 1805) e termina col 14 ottobre 1813; né gli manca l’utile corredo dell’indice delle persone e de’ luoghi, e di una breve, ma succosa prefazione.

G. S.


— Il nostro consocio cav. Enrico Ridolfi, Vicedirettore delle RR. Gallerie e Musei in Firenze, ha pubblicato un’accurata e importante Relazione dei Provvedimenti e lavori fatti per le RR. Gallerie e Musei di Firenze negli anni 1885-89. (Firenze, Bencini, 1890. - In 4.°, di pp. 35).


Notizie Tarie.


— Al suo egregio Vicepresidente, sen. Pasquale Villari, nominato da S. M. il Re, con viva soddisfazione di tutti i cultori dei buoni studi. Ministro della Pubblica Istruzione, la Deputazione nostra inviava il seguente telegramma:

«Firenze, 10 febbraio 1891. - Senatore Villari, Ministro Pubblica Istruzione, Roma. - Deputazione storia patria Firenze invia suo illustre Viceprepresidente vive congratulazioni, confidando nella sapiente opera sua a benefizio della patria e degli studi. - Segretario: Paoli».

S. E. il Ministro cortesemente rispondeva:

«Roma, 11 febbraio 1891. - Vivamente ringrazio cotesta benemerita Deputazione per gentile ricordo. - Il Ministro: P. Villari».