Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

documenti 251

24) Item statuerunt quod si aliqua persona fraudasset pensam vel mensuram solvat Comuni v sol. imp. salva ratione dominorum.

25) Item statuerunt quod petatur pignus per caprarios Comunis Condini ad maiorem domum, et si vetatur induplet, et si ipse vetaverit quod consules possint ad eos dare bampnum Comunis, et si aliquis steterint in bampno ultra tres dies quod consules et consilium debeant ire ad accipiendum eis pignus.

26) Item statuerunt et ordinaverunt quod consules Comunis Condini qui sunt et qui erunt habeant plenam licentiam et auctoritatem facere illut quod eis videatur plus utilis et melius de dicto Comune et quod possint ordinare et facere precipere camparum Comunis usque ad tantum quod bene valeat.... solvat.....

27) Item statuerunt et ordinaverunt quod si aliqua persona passeret ovem in plano vel in monte, in diviso vel in comune, quod dampnaret comunem seu divisum, solvat v sol. imp. quolibet et qualibet vice et restituat dampnum cui dederit.


LVIII. 1325, aprile 23.


Condino. - Gli otto uomini giurati, che avevano compilato gli Statuti di Condino (v. doc. prec). per ordine della Comunità e per incarico del vicario vescovile, Geremia di Spor, determinano i possessi divisi e comuni e le vie di Condino.
Archivio comunale di Condino.


LIX. 1327, giugno 21.


Storo. - Il console e gli uomini di Storo eleggono due procuratori per una causa che verteva colla Comunità di Ledro.
Archivio comunale di Storo.


LX. 1327, giugno 24.


Tiarno superiore, - I consoli (2) e gli uomini di Tiarno superiore (Val di Ledro) eleggono un procuratore per tma causa che verteva colla Comunità di Storo.
Archivio comunale di Storo. Copia fatta l’11 agosto dello stesso anno a Stenico, per ordine di Matteo de’ GarJelli, giudice e vicario vescovile delle Giudicarie e della Val di Ledro, dal notaio Pietro di Tremosine su originale proprio.


LXI. 1327, luglio 6.


Stenico. - I procuratori di Tiarno superiore, Tiarno inferiore e Storo eleggono Matteo de’ Gardelli arbitro nella causa che verteva tra quelle