Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/300

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
280 ricerche

circumspecto et integerrimo suo cancellero qui Antonio de Trezo tenesse per suo nome un mio figliolo a batesmo. Unde novamente essa excell.ma Sig.ria per sua clementia ha mandato il procuratorio in forma pienissima et humanissima, et è dignata una tanta altezza inclinarse a suo infimo, ma pur devotissimo, servo. La qual cosa essendomi desideratissima et pretiosissima come certissimo testimonio de benivolentia, di tanta humanità referisco grafie, non quale io debo, ma quale io posso, e tutte quelle che il mio animo, la voluntà, l’ingegno po’ concipere. Se la mia singulare fede et devotione poteano prima ricevere qualche augumento, ora certo de mi niente resta, che tutto la vostra celsitudine non posseda. Non è cosa in questo mondo qual si ardentemente desideri, come quel poco di facultà m’[h]a dato Idio, l’ingegno, l’industria, l’animo, la vita exponere per la excellentia vra, la qual dio, come ornamento e salute non solo nostra, ma de Italia, conservj et accresca felicemente. Ex Ferraria, xiij Jullis 1452.

Eiusdem Illu. d. v.

fidelissimus servitor Lodrisius Crivellus
iuris utriusque doctor cum
umili recomandatione.


(a tergo) Illustrissimo principi ac invictissimo
d. d. Francisco Sfortiae duci Mediolani
d. meo observandissimo.

Lodrisio era allora a Ferrara, o come insegnante, o, più probabilmente, mandatovi per qualche affare politico dal Duca di Milano, il quale sembra lo adoperasse principalmente come informatore circa gli Stati esteri, poiché troviamo alcune lettere di lui in questo senso. Di queste, due mi paiono meritevoli di essere integralmente pubblicate. La prima, in ordine di tempo, riguarda le cose di Boemia ed Ungheria, dove l’imperatore Federico III, tutore del giovanetto re Ladislao, pretendeva di governare in nome di lui, mentre i signori e il popolo non ne volevano sapere1. Il Crivelli scriveva da Milano allo Sforza2:

  1. Cfr. le recenti opere sulla storia dell’Ungheria dell’Horvat, del Fessler e dello Szalay.
  2. Lettera inedita nell’Archivio di Stato di Milano: Autografi: Letterati: Lodrisio Crivelli.