Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/461

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie 441

Accademia dì scienze di Cracovia. - Nell’adunanza del 20 marzo 1891 il sig. S. Smolka ha presentato alla Commissione di storia il Rapporto delle ricerche fatte negli Archivi Vaticani per conto dell’Accademia, negli anni 1889-90 dal sig. F. Koneczny. Questi, essendo stato incaricato di completare la numerosa collezione dei carteggi del Possevino, già incominciati a raccogliere negli anni 1886-88, ha studiato i materiali contenuti nei volumi 92-93 della Nunziatura di Germania (an. 1577-1881). Il Rapporto (che è pubblicato nel Bulletin international de l’Academie, aprile 1891, pp. 136-142) dà interessanti ragguagli dei resultati delle ricerche del sig. Koneczny.


Archivi e Biblioteche.


Bologna. — Archivio Gozzadini. - La contessa Gozzadina de’ Gozzadini ne’ Zucchini di Bologna affidò al sig. dott. Umberto Dallari la cura di riordinare il suo ricco Archivio e di pubblicarne l’inventario. L’ha esso spartito in otto sezioni: A. Notizie storiche e scritti dei Gozzadini; B. Carteggio; C. Diplomi, bolle, brevi, decreti e istrumenti; D. Carte relative a interessi speciali; E. Atti giudiziari; F. Carte d’amministrazione; G. Carte relative ad affari trattati in uffici pubblici; H. Carte di varie famiglie e persone [Argelati; Poeti; Ariosti; Pappafava; Diversi]. L’inventario è stato poi pubblicato con questo titolo: l’Archivio della famiglia Gozzadini, riordinato per cura della contessa Gozzadina Gozzadini Zucchini (Bologna, Ditta Nicola Zanichelli, 1890; in 8.° di pp. 90). Dalla prefazione del sig. Dallari s’impara che la Contessa ha generosamente donato alla sua natale Bologna questo Archivio, insieme con una ricca Libreria e un importante Museo, e che ha affidato la cura al sig. Nerio Malvezzi di pubblicare, sotto la direzione del prof. Giosuè Carducci, le lettere scritte al padre di lei, l’illustre conte Giovanni Gozzadini, tra il 1820 e il 1887, che torneranno di giovamento non piccolo agli studi storici e archeologici, essendo stato in carteggio con gli uomini più illustri del suo tempo. - G. S.

Rieti. — Biblioteca comunale. - Nell’ex-convento di S. Antonio del Monte in Rieti si sono scoperti, nel disfare la fiancata d’una volta, circa 500 volumi, dei quali 71 manoscritti, che sono ora stati depositati in quella Biblioteca comunale. Il prof. Ernesto Monaci, inviato sul luogo da S. E. il ministro Villari, ha fatto dei codici un catalogo sommario, ch’è pubblicato nel Bullettino ufficiale dell’istruzione, Parte II, num. 1, 3 giugno 1891. I codici che meritano veramente tal nome (il resto sono zibaldoni dei secoli