Pagina:Archivio storico italiano, serie 5, volume 7 (1891).djvu/469

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

notizie 449

di curiosi particolari, e scritti con tanto buon senso e spirito pratico d’osservazione, da far desiderare un’edizione compiuta del Viaggio Malaspiniano.

— La Libreria Hachette di Parigi ha pubblicato il tomo I della Parte III dell’importante opera del Taine, Les origines de la France contemporaine. Mentre la Parte I ha per soggetto L’ancien regime, e la Parte II La Revolution (che si compone di tre tomi: L’Anarchie, La Conquète Jacobine, e Le Gouvernement révolutionnaire), la Parte III ha per soggetto Le regime moderne. Questo primo tomo è un vol. in-8.°, di pp. iv-448, e si spartisce in quattro libri. I. Napoléon Bonaparte; II. Formation et caractères da nouvel état; III. Objet et mérites du système; IV. Le dèfaut et les effets du système. Nel tomo secondo, col quale l’opera avrà il suo compimento, l’A. piglierà «à considérer l’église, l’école, la famille, à décrire le milieu moderne, à noter les facilités et les difficultés, qu’ une société constituée comme la nòtre trouve à vivre dans ce nouveau milieu».

G. S.


— Il nome di Francesco Domenico Guerrazzi è strettamente legato co’ rivolgimenti della Toscana degli anni 1848 e ’49, ed il suo epistolario, per conseguenza, ha interesse grande per la storia. Ne cominciò a raccogliere le lettere il prof. Giosuè Carducci, e ne stampò due volumi a Livorno, co’ torchi del Vigo, da un pezzo esauriti, e che invogliarono del terzo, promesso e non mai pubblicato. Ora la casa editrice di L. Roux e C. di Torino ha messo fuori il vol. I delle Lettere di F. D. Guerrazzi per cura di Ferdinando Martini (in 8.°, di pp. viii-764). Vanno dal 1827 al 1853. Il Martini alle lettere già edite ha aggiunto «le inedite tuttavia, che sono le più, e le più importanti, sì rispetto alla biografia dello scrittore, sì alla storia letteraria e civile del tempo suo». Poche ne tralasciò delle già edite, delle inedite pochissime. A ricordare alcuni fatti ed alcuni uomini corredò il testo di note. In fronte al secondo volume discorrerà del Guerrazzi e del suo epistolario.

G. S.


— In una elegante pubblicazione ornata di 51 fototipie Emanuele Rapisardi tesse la vita di suo fratello Michele, pittore di grido, che nacque in Catania nel 1822, e morì in Firenze nel 1866 (Vita e Opere di Michele Rapisardi e cenni biografici del padre. Prato, tip. Giachetti, 1889. In 8.°, di pp. 280). Egli lo segue affettuosamente in ogni momento della sua vita e nelle sue molte peregrinazioni; dipinge in modo vivo la sua instancabile operosità; e ricorda ad una ad una le innumerevoli pitture che nella lunga