Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 canto


64
     Che ha costei che t’hai fatto regina,
che non abbian mill’altre meretrici?
costei che di tant’altri è concubina,
ch’al fin sai ben s’ella suol far felici.
Ma perché tu conosca chi sia Alcina,
levatone le fraudi e gli artifici,
tien questo annello in dito, e torna ad ella,
ch’aveder ti potrai come sia bella. —

65
     Ruggier si stava vergognoso e muto
mirando in terra, e mal sapea che dire;
a cui la maga nel dito minuto
pose l’annello, e lo fe’ risentire.
Come Ruggiero in sé fu rivenuto,
di tanto scorno si vide assalire,
ch’esser vorria sotterra mille braccia,
ch’alcun veder non lo potesse in faccia.

66
     Ne la sua prima forma in uno instante,
cosí parlando, la maga rivenne;
né bisognava piú quella d’Atlante,
seguitone l’effetto per che venne.
Per dirvi quel ch’io non vi dissi inante,
costei Melissa nominata venne,
ch’or diè a Ruggier di sé notizia vera,
e dissegli a che effetto venuta era;

67
     mandata da colei, che d’amor piena
sempre il disia, né piú può starne senza,
per liberarlo da quella catena
di che lo cinse magica violenza:
e preso avea d’Atlante di Carena
la forma, per trovar meglio credenza.
Ma poi ch’a sanitá l’ha omai ridutto,
gli vuole aprire e far che veggia il tutto.