Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
220 canto


104
     cosí Ruggier con l’asta e con la spada,
non dove era de’ denti armato il muso,
ma vuol che ’l colpo tra l’orecchie cada,
or su le schene, or ne la coda giuso.
Se la fera si volta, ei muta strada,
et a tempo giú cala, e poggia in suso:
ma come sempre giunga in un dïaspro,
non può tagliar lo scoglio duro et aspro.

105
     Simil battaglia fa la mosca audace
contra il mastin nel polveroso agosto,
o nel mese dinanzi o nel seguace,
l’uno di spiche e l’altro pien di mosto;
negli occhi il punge e nel grifo mordace,
volagli intorno e gli sta sempre accosto;
e quel suonar fa spesso il dente asciutto;
ma un tratto che gli arrivi, appaga il tutto.

106
     Sí forte ella nel mar batte la coda,
che fa vicino al ciel l’acqua inalzare;
tal che non sa se l’ale in aria snoda,
o pur se ’l suo destrier nuota nel mare.
Gli è spesso che disia trovarsi a proda;
che se lo sprazzo in tal modo ha a durare,
teme sí l’ale inaffi all’ ippogrifo,
che brami invano avere o zucca o schifo.

107
     Prese nuovo consiglio, e fu il migliore,
di vincer con altre arme il mostro crudo:
abbarbagliar lo vuol con lo splendore
ch’era incantato nel coperto scudo.
Vola nel lito; e per non fare errore,
alla donna legata al sasso nudo
lascia nel minor dito de la mano
l’annel, che potea far l’incanto vano: