Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

quartodecimo 301


48
     Come in palude asciutta dura poco
stridula canna, o in campo arrida stoppia
contra il soffio di borea e contra il fuoco
che ’l cauto agricultore insieme accoppia,
quando la vaga fiamma occupa il loco,
e scorre per li solchi, e stride e scoppia;
cosí costor contra la furia accesa
di Mandricardo fan poca difesa.

49
     Poscia ch’egli restar vede l’entrata,
che mal guardata fu, senza custode;
per la via che di nuovo era segnata
ne l’erba, e al suono dei ramarchi ch’ode,
viene a veder la donna di Granata,
se di bellezze è pari alle sue lode:
passa tra i corpi de la gente morta,
dove gli dá, torcendo, il fiume porta.

50
     E Doralice in mezzo il prato vede
(che cosí nome la donzella avea),
la qual, suffolta da l’antico piede
d’un frassino silvestre, si dolea.
Il pianto, come un rivo che succede
di viva vena, nel bel sen cadea;
e nel bel viso si vedea che insieme
de l’altrui mal si duole, e del suo teme.

51
     Crebbe il timor, come venir lo vide
di sangue brutto e con faccia empia e oscura,
e ’l grido sin al ciel l’aria divide,
di sé e de la sua gente per paura;
che, oltre i cavallier, v’erano guide,
che de la bella infante aveano cura,
maturi vecchi, e assai donne e donzelle
del regno di Granata, e le piú belle.