Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. I, 1928 – BEIC 1737380.djvu/356

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
350 canto


CANTO SESTODECIMO

1
     Gravi pene in amor si provan molte,
di che patito io n’ho la maggior parte,
e quelle in danno mio sí ben raccolte,
ch’io ne posso parlar come per arte.
Però s’io dico e s’ho detto altre volte,
e quando in voce e quando in vive carte,
ch’un mal sia lieve, un altro acerbo e fiero,
date credenza al mio giudicio vero.

2
     Io dico e dissi, e dirò fin ch’io viva,
che chi si truova in degno laccio preso,
se ben di sé vede sua donna schiva,
se in tutto aversa al suo desire acceso;
se bene Amor d’ogni mercede il priva,
poscia che ’l tempo e la fatica ha speso;
pur ch’altamente abbia locato il core,
pianger non de’, se ben languisce e muore.

3
     Pianger de’ quel che giá sia fatto servo
di duo vaghi occhi e d’una bella treccia,
sotto cui si nasconda un cor protervo,
che poco puro abbia con molta feccia.
Vorria il miser fuggire; e come cervo
ferito, ovunque va, porta la freccia:
ha di se stesso e del suo amor vergogna,
né l’osa dire, e invan sanarsi agogna.