Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/469

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

trentesimosecondo 463


52
     Altri Perduta, altri ha nomata Islanda
l’isola, donde la regina d’essa,
di beltá sopra ogni beltá miranda,
dal ciel non mai, se non a lei, concessa,
lo scudo che vedete, a Carlo manda;
ma ben con patto e condizione espressa,
ch’al miglior cavallier lo dia, secondo
il suo parer, ch’oggi si trovi al mondo.

53
     Ella, come si stima, e come in vero
è la piú bella donna che mai fosse,
cosí vorria trovare un cavalliero
che sopra ogn’altro avesse ardire e posse:
perché fondato e fisso è il suo pensiero,
da non cader per centomila scosse,
che sol chi terrá in arme il primo onore,
abbia d’esser suo amante e suo signore.

54
     Spera ch’in Francia, alla famosa corte
di Carlo Magno, il cavallier si trove,
che d’esser piú d’ogn’altro ardito e forte
abbia fatto veder con mille prove.
I tre che son con lei come sue scorte,
re sono tutti, e dirovvi anco dove:
uno in Svezia, uno in Gozia, in Norveggia uno.
che pochi pari in arme hanno o nessuno.

55
     Questi tre, la cui terra non vicina,
ma men lontana è all’Isola Perduta
(detta cosí, perché quella marina
da pochi naviganti è conosciuta),
erano amanti, e son, de la regina,
e a gara per moglier l’hanno voluta;
e per aggradir lei, cose fatt’hanno,
che, fin che giri il ciel, dette saranno.