Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/137

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE RANE

mi hà inspirato dolcemente de carni porcine.

Dionisio
Non starai cheto, se haverai de la trippa?
Choro
Istizza le lampade accese, ò Iacco tù vieni squassandoti, ne le mani havendo la lucifera stella de lo notturno sacrificio con la sua fiamma: il prato è illuminato, i vecchi se ingenocchiano, tù cacci le tristitie, e la antichità de gli anni Saturnini con questo sacrato honore. e tù facendo lume con la lampada, guida fuori la chorea (la quale fà la gioventù beata) nanti a 'l campo paludoso, e florido dogni fiore.
Semichoro
Laudare bisogna: e scacciare fuora del nostro choro, ogniun che non partecipa de tali canti, e ogniun che de openione non è puro, ò non sà gli orgij de le generose muse, e non hà tripudiato: e non hà conpiuto i Bacchij de la lingua di Cratin taurifago: ò se diletta di furfantesche parole, che à questo tempo non ne satisfano: ò non hà disbrattato la odiosa seditione: ò non è facile à i citadini, ò fà isueggiare e turbare alcuno, desiderando i proprij guadagni: ò quel signore che per presenti e doni dà via è tradisce la cittade gia perturbata, ò tradisce la rocca, ò navi, ò manda secreti da longi da Egina: e è questo Toricione, il malo huomo eicostologo, ò che manda via pelli, e lini, e pece ne 'l Epidauro, ò conforta alcuno dar i danari de gli aversarij à le navi, ò scaccia via gli Hecatei con circulari chori cantando,