Pagina:Aristofane - Commedie, Venezia 1545.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LE RANE
se egli hà il dono paterno.
Dionisio
S’ei fosse da un padre spogliatore de morti?
Eschilo
Dionisio tu bevi vino, non odorifero.
Dionisio
Digli il resto, e tu osserva il fallo.
Eschilo
Siami salvatore et agiutore ti prego: imperò che io vado à questa terra e descendo.
Euripide
Due volte n’hà ditto il medesimo, Eschilo il savio.
Dionisio
Come due volte?
Euripide
Considera la parola, e io ti parlerò. io vado ne la terra (egli dice) e descendo. vado egli piglialo per quel medesimo che è descendo.
Dionisio
Per Giove, si come se alcuno dicesse a ’l suo vicino adopera il mortaio, da pistar il pane, ma se voi anchora da pistar la farina.
Eschilo
Gliè questo ò huomo loquace il medesimo, ma altramente nomasi.
Euripide
In che modo? insegnami in che modo dici.
Eschilo
Venire è in terra à colui, à ’l quale è la participation de la patria. egli è venuto, è senz’altro nocumento. e fugendo è venuto e disceso.
Dionisio
Ben per Apolline, che dici tu Euripide?
Euripide
Non dico Oreste descender à la casa: perche venir è nascosamente non persuadendo i patroni.
Dionisio
Ben per Mercurio, ciò che dici tu non l’intendo.
Euripide
Compi dunque il resto.
Dionisio
Hor sù ò Eschilo, affrettati, guarda ben l’errore.
Eschilo
Ne la ripa de ’l sepolcro io dico queste cose a ’l padre, udire, udire.