Pagina:Artusi - La scienza in cucina e l'arte di mangiar bene, Landi, 1895.djvu/448

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
428

quando comincierà ad attaccarsi al mestolo, levatela e montatela colla frusta; se mettesse troppo tempo a montare, tenete la catinella sul ghiaccio, poi versateci a poco per volta due fogli di colla di pesce sciolti al fuoco in un gocciolo d’acqua. Montata che sia, unite alla medesima, adagino, grammi 150 di panna montata e ponetela in uno stampo fatto apposta pei pezzi in gelo od anche in una cazzaruola o vaso di rame tutto coperto, lasciandola gelare per tre ore almeno, framezzo a un grosso strato di ghiaccio e sale.

Questa dose potrà bastare per sette od otto persone e sarà un dolce molto gradito.


554. - Gelato di limone

Zucchero bianco fine, grammi 300.
Acqua, mezzo litro.
Limoni, N. 3.

Potendo, è meglio servirsi di limoni di giardino che hanno gusto più grato e maggiore fragranza di quelli forestieri, i quali sanno spesso di ribollito.

Fate bollire lo zucchero nell’acqua, con qualche pezzetto di scorza di limone, per 10 minuti a cazzaruola scoperta. Quando questo siroppo sarà diaccio, spremetegli dentro i limoni, uno alla volta, assaggiando il composto per regolarvi coll’agro; passatelo e versatelo nella sorbettiera.

Questa dose potrà bastare per sei persone.


555. - Gelato di fragola

Fragole ben mature, grammi 300.
Zucchero bianco fine, grammi 300.
Acqua, mezzo litro.