Pagina:Balbo, Cesare – Della storia d'Italia dalle origini fino ai nostri giorni, Vol. I, 1913 – BEIC 1740806.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
24 libro primo

e principali di questi cacciati migrarono via via nella nostra penisola. La storia n’è chiara da molte tradizioni; precipuamente da quelle raccolte da Dionisio d’Alicarnasso, scrittore screditato giá da alcuni moderni, riposto in onore da parecchi contemporanei nostri. Egli distingue le migrazioni, le narra con particolari, ne cita e discute i fonti, le date; niuna critica sana lo può rigettare. — La prima invasione venne dunque intorno al 1600; approdò al seno de’ peucezi, passò all’opposto degli enotri (genti sicule probabilmente), s’estese, salí su per la penisola fra altre genti sicule, itale, osche e tusche fino intorno a Rieti — La seconda scese alla bocca meridionale del Po, a Spina, vi stanziò in parte e fu distrutta, e parte penetrò fra gli umbri, gl’itali e i tusci a raggiungere i consanguinei. Allora lá intorno a Rieti (in quelle regioni dov’era stato probabilmente il centro degli itali, dove fu poi certamente quello della gran sollevazione italica contro ai romani, dove restano anche oggidí i nomi dell’«umbilico d’Italia», del «gran sasso d’Italia») fu il centro della potenza pelasgica. Di lá raggiarono, occupando e fortificando cittá e castella; lá abbondano anche oggi le rovine di lor mura militari, simili alle pelasgiche di Grecia nella costruzione e nel nome (argos, acros, arx). I siculi furono rigettati a raggiungere i consanguinei in Sicania o Sicilia; gl’itali, gli osci, i tusci, dispersi a’ monti o soggiogati, come gli elleni nell’altra penisola.

6. Continua. — E come gli elleni, essi ricacciarono poi quegli stranieri. Perciocché l’ira degli dèi, dice Dionisio, l’ira del servaggio diremo noi, sollevò tutti i nostri popoli primari contra a questi secondari; l’unitá del servaggio li riuní in una impresa d’indipendenza, simile all’ellenica, prima dell’italiche. E forse fin d’allora crebbe il santo nome d’Italia, estendendosi dalla gente prima, o piú ardita nell’impresa, alle seguaci. Ad ogni modo questa incominciò e finí in poco piú d’una generazione, intorno al tempo dell’assedio di Troia [1150 circa]. I pelasgi, ricacciati al mare per la terza o quarta volta (dall’Egitto, dalla Palestina, dalla Ellenia ed or dalla Tirrenia od Italia), si dispersero per l’ultima volta, or pirateggiando, or rifuggendo in vari luoghi del continente e delle isole elleniche, e fino in Tracia,