Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/374

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOVELLA XL 371 Venne adunque voglia al Caruleo d’avere in qual modo si sia la cavalla. Egli sapeva molto bene che il gentiluomo l’aveva tanto cara che per danari non se la saria lasciata uscire de le mani ; tuttavia per mezzo d’alcuni soldati fece ricercar se egli la voleva vendere. E veggendo che indarno s’affaticava, deli¬ berò, non gli parendo di usar la forza, di fargliela con destro modo involare. Aveva avuto avviso come fra dieci o quindici giorni il re voleva che andasse in Puglia con i suoi soldati, ove il duca d’Angiò s’era ridutto; il che gli parve ottima oc¬ casione di far rubar la cavalla e mandarla fuori in qualche villa, fin che venisse il giorno de la sua partita. Ebbe adunque modo una notte di fargliela rubare. Il gentiluomo la matina, levato per tempissimo, andò a ritrovare il Caruleio, lamentandosi che dai soldati di quello gli era stata rubata la sua cavalla, e che sa¬ peva molto bene che in Cossenza non era persona che avesse avuto ardimento d’andar in casa sua a far simil furto. Il Ca¬ ruleio, udendo la querela, impose che ogni diligenza s’usasse per ritrovar la detta cavalla. Da l’altra parte egli fece metter in ordine tre dei suoi corsieri con le barde che alora s’usavano ed ora poco sono in prezzo, e fece anco metter in ordine la cavalla con barde molto grandi ed una testiera d'acciaio, col collo tutto coperto di minutissima maglia e con mille altri ab¬ bigliamenti a torno, che pareva l’Ascensione di Vinegia, e or¬ dinò che i tre corsieri e la cavalla fossero menati fuori di Cossenza. Il gentiluomo a cui la cavalla era stata involata mise le spie a tutte le porte de la città, ed egli andò a quella porta ove alora erano per trasfugare la cavalla. Colui che le era sovra, come vide il gentiluomo, ebbe dubio che la cavalla non fosse conosciuta, e volendo schifare, si rivoltò in una strada la più fangosa del mondo, ove erano dui o tre zappelli che Rabicano averebbe avuto fatica a passargli; onde là dentro in uno la cavalla di modo s’impaniò come fa l'augellino sovra il visco. Il povero servidore che era con la cavalla impaniato, gridando — Aita, aita I — fu cagione che molti corsero al romore. Il gen¬ tiluomo, sentendo dire che un cavallo s'affogava, corse anco egli al romore, avendo lasciato uno dei suoi per guardia a la