Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1911, IV.djvu/411

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


4o8 PARTE TERZA anco spesse volte che dando il podestà la berta a colui, che ma¬ donna la podestaressa, che era presente, anco ella se ne beffava, pensando che nessuno s'accorgesse che, se la greca per un di aveva banchettato col tincone, ella già più di sessanta volte l'aveva posto a lesso, a guazzetto, in pasticcio e a rosto, essendo ferma openione di tutti che ella usasse quel bel tincone innanzi e dopo pasto. Ma il buon podestà, che di questo niente sapeva, s’era messo su questo umore di non lasciar vivere il povero contestabile, non s’accorgendo che tutta Crema di lui si beffava.