Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 121 —


tutti i diavoli. La mia compagna di viaggio mi chetò con un gesto.

— Non sareste un buon giudice istruttore; — mi notò ella brevemente.

— Ve l’ho già detto, signora; con gli uomini non me la faccio.

— Andiamo, proverò io; — soggiunse ella volgendosi al ragazzo; — come ti chiami?

— Cesarino.

— È un bel nome. Dovevo immaginarmelo che ti chiamavi così, con quegli occhi accorti che hai.

— Adulatrice! — diss’io, a mezza voce, come un personaggio da tragedia.

Il ragazzo, intanto, faceva bocca da ridere; gradiva il lustro, come un potente della terra. La signora, che m’aveva udito, alzò scherzosamente le spalle, come per dirmi: zitto là, voi buono a nulla. E proseguì, volgendo il discorso al ragazzo: