Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/298

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 290 —


io temetti di non aver detto abbastanza e non le lasciai profferire parola.

— Oh, il più che potete! — soggiunsi, con accento supplichevole. — Ho parlato io per il primo; mi sono spezzato il cuore da me, per

restituirvi la pace dell’anima; usate dunque misericordia! — La mia bella compagna rimase alquanto sovra pensiero; indi con un fil di voce mi mormorò all’orecchio:

— Nè domani.... nè poi! Lunedì, se consentite....

— Grazie! — esclamai. — Non siete voi qui la regina? —

Fu dunque stabilito che ella sarebbe partita la mattina del lunedì, trenta giorni dopo il nostro primo incontro nella stazione di Foggia. Eravamo in mercoledì; non avevo dunque più che quattro giorni di felicità. Quattro giorni! E poi?...