Pagina:Barrili - Come un sogno, Milano, Treves, 1889.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 22 —


Ella accolse le mie parole con un lieve cenno del capo.

— Tanto meglio; — soggiunse a mezza voce, quasi parlando fra sè: — un uomo cortese! —

Quella frase, detta così a fior di labbra, mi scosse. Notai allora quel po’ di turbamento che traspariva dalla sua voce, e ricordai la furia con cui era salita là dentro.

— Grazie, signora; — ripigliai, approfittando della sua ultima parola, — capisco che non son molti, e che anzi la più parte....

— Pur troppo, non son fior di cavalieri! — diss’ella. — Ma scusi.... io dimentico....

— Oh non si trattenga per me. Ella non dirà mai del mio sesso tutto il male che ne penso io. E.... non m’abbia per indiscreto.... ha forse avuto qualche molestia?

— Ah, ne arrossisco! — esclamò, recandosi istintivamente le mani sul volto —