Pagina:Barrili - I rossi e i neri Vol.2, Milano, Treves, 1906.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 34 —


IV.

Qui si racconta di Goffredo Rudel, come per amor si morisse

Si ricordano i nostri lettori della visita che fece Aloise alla villa Vivaldi, allorquando l’amico Pietrasanta lo condusse a fare la prima passeggiata di convalescenza là dalla parte di Nervi? Se essi non hanno dimenticato quella gita campestre, rammenteranno ancora che, innanzi di uscir dalla villa, e quando il giardiniere aveva additato l’albo dei visitatori, Aloise di Montalto si era fatto sollecito a pigliar la matita, e, dopo avere rivolta un’occhiata d’intelligenza al compagno, aveva scritto sull’albo due strani nomi: Goffredo Rudel e Percivalle Doria.

Di questa bizzarria il Pietrasanta aveva chiesta la ragione all’amico; e questi gli aveva risposto con un’altra, ripetendo una frase detta da Enrico al giardiniere, quando erano per rimettersi in carrozza: «i nostri noi viaggiano nel più stretto incognito».

Ma perchè, tra tanti nomi posticci che potevano venirgli in mente, egli era andato a cercar proprio que’ due nomi storici? Perchè all’innamorato senza speranze pareva di scorgere una certa somiglianza tra la sua infelicità e quella famosa del poeta provenzale. Un trovatore, poi, ne tirava un altro, e tra i nomi di trovatori da poter mettere accanto al primo, gli era balenato alla fantasia quello di un genovese; però aveva aggiunto Percivalle Doria, come pseudonimo di Enrico Pietrasanta. Si noti che mezz’ora innanzi il giardiniere, conducendoli sotto l’albero di sughero, aveva accennato ad una Corte di amore; si aggiunga che Aloise, a que’ tempi, secondo l’uso di tanti innamorati, leggeva assiduamente il Leopardi e il Petrarca. Ora, dal cenno del giardiniere e dai versi del Petrarca, ai trovatori, al Rudel, non c’era altro che un passo, e ad Aloise tornava in mente ciò che aveva scritto messer Francesco nel suo Trionfo d’amore.

          Gianfrè Rudel, che usò la vela e il remo
          A cercar la sua morte....

Dopo quel giorno, molte cose erano avvenute, ed Aloise era introdotto solennemente in casa Torre— Vivaldi. La sua