Pagina:Barrili - L'olmo e l'edera, vol. 1.djvu/44

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 40 —

lavori di quel beato giardiniere che aveva spazio così largo da albergare tanta varietà di magnifiche piante della flora dei tropici.

Il luogo dove il nostro botanico andava a sedersi, era presso un olmo di smisurata altezza, appartenente al giardino inferiore, ed ultimo avanzo di un lungo viale che era stato disfatto, per cedere il campo alla prateria. Quel malinconico superstite di una rigogliosa dozzina di olmi, sacrificati alla moda britannica, saliva co’ suoi rami più su del giardino pensile di Laurenti. Il muraglione, per tutto quel tratto, era coperto di edera, e i lettori già capiscono che cosa ne avvenne; che cioè l’edera, come una donna innamorata, aveva un bel giorno gettate le sue braccia al collo, vo’ dire al tronco, dell’albero maestoso. Amplessi tenaci, che si ripeterono in breve su per i rami, producendo tra l’albero e il muro una sequela di pittoreschi festoni e una lieta figliolanza di neri corimbi. Marito e moglie, era una vaghezza a vederli. Non curante della proprietà altrui, smesso perfino quel ritegno naturale che vieta alla donna di fare il primo passo, l’edera s’era maritata, e Dio misericor-