Pagina:Barzini - La metà del mondo vista da un'automobile, Milano, Hoepli, 1908.djvu/552

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
486 capitolo xxii.


La nostra automobile intanto assapora un’anticipazione della gloria. Coronata di fiori e d’alloro, essa si mostra nella grande vetrina della Società Itala sul Viale dei Tigli. La folla fa ressa per vederla; la porta del negozio è stata chiusa per evitare un’invasione; i poliziotti devono ogni tanto far sgombrare la strada e ristabilire la circolazione. Noi siamo sorpresi di trovare là la nostra «bestia»; la sua superbia insospettata ci addolora e c’indigna. Essa si fa della réclame!


Alla mattina del 7 agosto prima che lo chasseur dell’Hôtel Bristol bussasse alle nostre porte per annunciarci l’ora della partenza, eravamo stati svegliati dallo scrosciar della pioggia sui vetri delle finestre. Avevamo preveduto un’altra lunga e triste giornata di corsa sotto l’acqua; ma invece il tempo, con gentilezza insolita, aveva voluto soltanto inaffiarci la strada per togliere la polvere.

Al momento in cui montiamo in macchina, appaiono squarci di sereno nel cielo. L’asfalto dell’ampio Viale dei Tigli, bagnato, rispecchia questa serenità di buon augurio. Vicino alla nostra automobile aspettano delle automobili del Club Imperiale, per scortarci fino a Potsdam, altre automobili private venute per assistere alla partenza, e molte automobili pubbliche, noleggiate da curiosi. Insomma vi è ampiamente rappresentato tutto l’automobilismo di lusso e quello da lavoro, l’aristocrazia e la democrazia del motore.

Alle cinque sopraggiungono i rappresentanti dei giornali francesi. Montano tre Itala fiancheggiate da iscrizioni cubitali «Pekin-Matin», che è la formula nella quale l’abile giornale trasformò all’ultimo momento la «Pechino-Parigi». Tutto è pronto. Le macchine si mettono in moto.

Scoppia un evviva caloroso. Una discreta folla si era adunata intorno a noi, in gran parte d’italiani. Varie signore avevano avuto il coraggio di levarsi all’alba; numerosi gentiluomini invece non si erano ancora coricati, e venivano dai clubs in