Pagina:Battisti, campagna autonomistica, 1901.djvu/81

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 75 —

sufficente invocare da qualcuno dei loro abati Treuenfels una benedizione al granaio perchè in avvenire diminuisca l’appetito ai suoi parassiti.

E avanti! Potrei ricordare un comune vicino a Trento dove il suo capo, obbligato a rifondere ad un terzo i danni causatigli per illecita esazione d'imposte, risarcendo coi soldi suoi invece che con quelli del comune, rispondeva al giudice che constatava la stranezza del suo contegno: Se riconosco il comune debitore verso questo individuo, ci saranno cent’altri che potranno accampare le stesse ragioni.

E potrei accennare di rappresentanze di città non abituate a presentare i consuntivi e a cento e cento altri esempi, se ve ne fosse il bisogno. A queste piaghe potrà certo giovare una sorveglianza occulata quantunque anche in questa si debba sperare solo fino ad un dato limite. La vera scopa delle porcherie comunali sarà l’entrata nei consigli dei proletari oggi esclusi dal diritto di voto. Ed io credo che questo diritto di voto l’avremo più facilmente da una dieta trentina che dalla tirolese, tanto più che a noi è lecito condizionare l'appoggio che eventualmente potremo dare ai borghesi autonomisti del paese, al patto che gli stessi accettino nel loro programma un dato nucleo di riforme liberali.

Ad ogni modo se oggi è impossibile ai proletari in qualunque questione far sentire la propria voce ai dominatori di Innsbruck; questo non avverrà più ad autonomia ottenuta, quando potremo ora per ora controllare, sindacare l’opera dei reggitori trentini a Trento.

Ci sovviene inoltre di larghe promesse già fatte da liberali e da moderati per la riforma dei comuni: la promessa di creare le rappresentanze di distretto, che non sarebbero se non federazioni dei piccoli comuni.

Quest’ordine d’idee è perfettamente consono alle vedute del nostro partito, il quale non potrebbe non veder di buon occhio la cooperazione dei piccoli comuni. Quante e quante funzioni non potrebbero esser meglio disimpegnate, quanti errori si potrebbero evitare! Ecco che i comuni piccoli, senza segre-