Pagina:Beccaria - Dei delitti e delle pene, 1780.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
82 Dei Delitti

distratto dalla futura. Tutt’i mali s’ingrandiscono nella immaginazione, e chi soffre trova de’ ripieghi e delle consolazioni non conosciute e non credute dagli spettatori, che sostituiscono la propria sensibilità all’animo incallito dell’infelice.

Ecco, presso a poco, il ragionamento che fa un ladro o un assassino, i quali non hanno altro freno per non violare le leggi, che la forca o la ruota. So che lo sviluppare i sentimenti del proprio animo è un’arte che si apprende colla educazione: ma perchè un ladro non spiegherebbe bene i suoi principj, non perciò essi agiscono meno. „ Quali sono queste leggi che io debbo rispettare, che lasciano un così grande intervallo tra me e il ricco? Egli mi nega un soldo che gli domando, e si scusa col comandarmi un travaglio che non conosce. Chi ha fatte queste leggi? uomini ricchi e potenti, che non si sono mai degnati visitare le squallide capanne del